Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Pussy car PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Venerdì 24 Settembre 2021 00:37


Quando si dice amare il mestiere

Sono stati costretti a dimettersi due agenti di polizia del Surrey Heath, in Inghilterra, Molly Edwards e il suo collega Richard Paton, beccati a fare sesso nell'auto di servizio. Secondo quanto riporta il Sun, gli agenti hanno ignorato chiamate urgenti durante le ore di lavoro perché coinvolti nel rapporto sessuale. I due sono stati scoperti tramite una cimice, posizionata in macchina dai superiori, che sospettavano che la coppia avesse una relazione.
I fatti risalgono al 2019, ma il procedimento disciplinare si è concluso di recente. Secondo quanto ricostruito, i poliziotti, entrambi sposati con figli, in una sola giornata hanno ignorato due richieste radiofoniche urgenti: la prima, alle 4.17 del mattino, nella quale veniva loro ordinato di recarsi in un ospedale per occuparsi di due vittime di un'aggressione. La seconda, alle 4.51, nella quale veniva detto loro di intervenire in un negozio che aveva subito un furto. Tramite la cimice, i superiori hanno sentito Paton gemere e dire "Spogliamoci".
Gli agenti si sono dimessi dalla polizia prima della decisione della commissione disciplinare, per la quale sarebbero stati comunque entrambi licenziati per "una grave inosservanza del dovere, considerata oltraggiosa".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.