Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Gli Emirati in Siria PDF Stampa E-mail
Scritto da Andrea Marcigliano x nododigordio.org   
Mercoledì 02 Gennaio 2019 00:11


Di riffa o di raffa tutti i protettori dell'Isis restano in campo

Donald Trump ha deciso: via le forze statunitensi dal pantano siriano. Un impegno troppo costoso; soprattutto un impegno che ha finito con l’indebolire la posizione americana in Medio Oriente, alienando storici alleati come la Turchia ed aprendo la strada ad una crescente influenza di Mosca.
La scelta della Casa Bianca da un lato permette ad Assad, forte dell’appoggio russo, di riassumere il controllo di gran parte del paese e stroncare le forze dei ribelli, dall’altro lascia mano libera ad Erdogan nel Curdistan siriano, che il leader turco vuole ridurre ad un protettorato di Ankara. Annientando le forze curde dell’YPG sino ad oggi strette alleate di Washington. Ai curdi non resta altro che cercare l’aiuto del vecchio nemico Assad, intenzionato ad impedire che la Turchia occupi un’intera regione della Siria. Per altro anche i sauditi sembrano preoccupati da questa prospettiva, che rafforzerebbe notevolmente la posizione di Ankara nel Medio Oriente, e stanno cercando a loro volta di riaprire il dialogo con Damasco. Dove, non a caso, gli Emirati Arabi, da sempre apripista nelle relazioni fra i paesi del Golfo e il resto del mondo arabo, stanno per riaprire la loro ambasciata.



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.