Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
     1  2  3  4
  5  6  7  8  91011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Trump campione del cattivo gusto PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Mercoledì 12 Giugno 2019 00:10


Ora se lo prende con i vini francesi

Donald Trump minaccia di aprire un nuovo fronte: quello della guerra al vino francese, imponendo dazi sulle bottiglieimportate negli Usa.Un vero e proprio sgambetto all'inquilino dell'Eliseo, Emmanuel Macron, che il presidente americano ha incontrato in Normandia appena la scorsa settimana, in occasione delle celebrazioni del D-Day, elogiando davanti alle telecamere di tutto il mondo gli “eccezionali” rapporti tra loro due.
Intervistato dalla Cnbc, il tycoon ha rilanciato il suo affondo verso l'alleato, che suona però come una minaccia per l'intera Europa e anche per il vino italiano: «La Francia si fa pagare molto per i nostri vini, mentre noi li facciamo pagare molto poco per il loro vino. È ingiusto, e gli Stati Uniti dovranno fare qualcosa».
Rilanciato, appunto: perché Trump aveva già attaccato Parigi sull'argomento nel novembre scorso, con un tweet in cui aveva definito difficilissimo per i produttori di vino americano, concentrati soprattutto in California, vendere in Francia. «Questo deve cambiare!», aveva scritto.
Ora, a distanza di mesi, Trump lamenta come nulla sia cambiato e ribadisce dunque il concetto: «Le aziende vinicole vengono da me e mi dicono 'paghiamo un sacco di soldi per mettere i nostri prodotti sul mercato francese, e tu lo stai permettendo, questo Paese lo sta permettendo'. Questi vini francesi sono dei grandi vini - ha aggiunto il presidente - ma anche i nostri sono grandi vini e non possiamo permettere che quelli degli altri arrivino qui negli Usa per niente. Allora sapete cosa? Non è giusto e faremo qualcosa».
Negli Stati Uniti, che sono i maggiori acquirenti di vino europeo, sono in vigore dazi di 5,3 centesimi di dollaro a 14,9 centesimi di dollaro sulle bottiglie standard, a seconda del paese di provenienza e della gradazione alcolica. L'Unione europea invece prevede dazi per il vino Usa importato che vanno dagli 11 centesimi di dollaro ai 29 centesimi a bottiglia. La Ue ha esportato 11,3 milioni di euro di vino nel 2017, di cui il 32% negli Usa. In Francia le importazioni di vino americano sono cresciute del 200% tra il 2007 e il 2018.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.