Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Rafah, altri sei morti nei raid PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Giovedì 20 Maggio 2004 01:00

Israele martella:20 vittime in 24 ore

Sonosei i palestinesi uccisi la notte scorsa a Rafah, nel sud della striscia di Gaza, da soldati israeliani. Sale così a20 il numero dei palestinesi caduti durante le operazioni israeliane: 12 di essi sono periti quando l'esercito ha aperto il fuoco contro circa 500 palestinesi che manifestavano nel quartire di Tel El Sultan. Il ministro della difesa israeliano Shaul Mofaz hanno detto che l'operazione militare continuerà.

Non è bastato, evidentemente, il duro attacco delle scorse ore quando, sempre a Rafah, un tank ha sparato sulla folla uccidendo almeno 14 persone, di cui diversi bambini. L'esercito ha aperto un'inchiesta sull'accaduto. Ma subito dopo ha affermato che le operazioni continueranno.

Lo si è visto nelle notte quando i carri armati sono entrati nei campi profughi di Rafah, dove, secondo i soldati di Tel Aviv, si nasconderebbero molti terroristi. Ma non solo.I comandi di Israele considerano cruciale la zona di Rafah, da dove passerebbero in modo clandestino e sottorrennaeo le armi dall'Egitto ai miliziani palestinesi. Finora 39 palestinesi sono stati uccisi nella Striscia di Gaza, dall'avvio della vasta operazione, denominata Arcobaleno.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.