Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Dall’Iraq all’Arabia Saudita il caos dilaga come vuolsi colò dove si puote PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter   
Domenica 30 Maggio 2004 01:00

Gli strateghi americani che contano su piccole formazioni fondamentaliste per gettare nel caos la regione. Il piano, che avrebbe portato la piaga dall’Iraq destabilizzato scientemente all’Arabia Saudita era stato abbondantemente annunciato da Maurizio Blondet in Osama Bin Mossad

Il principe ereditario saudita, Abdullah, che passa comunemente come filo-occidentale è in realtà il meno malleabile tra i pretendenti al trono. L’attacco del 29 maggio al Petroleum Center, un complesso nel quale sono concentrati uffici di varie compagnie petrolifere occidentali e che ha visto la morte di dieci ostaggi, rientra probabilmente nel piano che mira allo smembramento del Paese in più reami, uno dei quali, comprendente la Mecca, dovrebbe trasformarsi nel santuario del nuovo terrorismo così proficuo per gli interessi di Washington e Tel Aviv, così nefasto e pericoloso per gli interessi europei, così vantaggioso per le compagnie del petrolio texano.
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.