Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
I game masters del terrore minacciano PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Giovedì 17 Giugno 2004 01:00

In risposta alla scoperta del depistaggio sugli attentati alle Twin Towers la Cia ammonisce: Al Qaeda colpirà ancora. Chi sospetta che Al Qaeda (ovvero “La Base”) non abbia tagliato il cordone ombelicale con la sua casa madre -la Cia, appunto - prende molto sul serio questa minaccia. Chi subirà il prossimo dramma dello spettacolo/terrore ?

Washington, 16 giu. - Al Qaeda tornera' a colpire negli Stati Uniti: e' quanto emerge dalla testimonianza resa oggi da un agente della Cia identificato soltanto come "Dr.K" alla commissione del Congresso Usa che indaga sull'11 settembre e che proprio oggi ha diffuso un rapporto preliminare sulle indagini. "Al-Qaeda...non e' stata affatto sconfitta e sebbene indebolita continua pazientemente a pianificare i suoi prossimi attentati", ha detto Dr.K ai 10 membri della commissione ufficiale. "Possono colpire la prossima settimana, il mese prossimo o l'anno venturo, ma colpiranno". Secondo l'esperto, "anche se bin Laden e al-Qaeda fossero sconfitti, il movimento jihadista (della guerra santa islamica, ndr) mondiale continuerebbe ad esistere. Dalle fila di quel movimento puo' uscire un altro Osama bin Laden o un'altra al Qaeda, fin quando ci saranno individui che vogliono usare la violenza".

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.