Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Novembre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
30      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Nulla di nuovo sotto il sole PDF Stampa E-mail
Scritto da Reuters   
Sabato 03 Luglio 2004 01:00

Gli effetti della “guerriglia islamica” favoriscono ancora una volta le compagnie petrolifere americane e danneggiano l’Europa. Questo il senso della dimezzata esportazione del greggio

Ridotta la produzione irachena del petrolio

Le esportazioni di greggio dall'Iraq sono state dimezzate in conseguenza di un nuovo attacco della guerriglia a uno dei due oleodotti che attraversano il sud del Paese.

L'attacco ha bloccato le operazioni al terminal di Khor al-Amaya e fatto scendere il flusso di greggio al terminale di Bassora, conosciuto come Mina a-Bakr, a 40.000 barili di petrolio l'ora (la media, in condizioni normali, e' di 70.000 barili).

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.