Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Cadono come mosche PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Giovedì 08 Luglio 2004 01:00

Quattro soldati statunitensi e due guardie irachene sono rimaste uccisi in un attacco a colpi di mortaio a Samarra, a nord di Baghdad. Nell'attacco contro il quartier generale della guardia nazionale, che e' parzialmente crollato, sono rimasti feriti anche 18 militari Usa e tre guardie

Quattro soldati statunitensi e due guardie irachene sono rimaste uccisi in un attacco a colpi di mortaio a Samarra, a nord di Baghdad. Nell'attacco contro il quartier generale della guardia nazionale, che e' parzialmente crollato, sono rimasti feriti anche 18 militari Usa e tre guardie. Samarra, 125 chilometri a nord di Baghdad, al centro del 'triangolo sunnita', e' un bastione della resistenza fedele al deposto presidente Saddam Hussein. La scorsa settimana la citta' fu teatro di violente manifestazioni a favore dell'ex dittatore, proprio nel giorno in cui il 'rais' e' comparso di nuovo in pubblico, nella prima udienza del processo. L'esercito statunitense da marzo ha gradualmente ridotto la sua presenza in citta' con l'obiettivo di passare la mano a forza di sicurezza locali; ma la resistenza, che e' meglio equipaggiata, ha ripetutamente colpito obiettivi locali. E oggi a Samarra si e' tornato a combattere anche nelle strade. Secondo al-Jazira, in coincidenza con l'attacco, nelle strade sono scoppiati scontri tra la guerriglia e militari statunitensi. Una fonte sanitaria ha riferito che in ospedali sono arrivati i corpi senza vita di almeno quattro iracheni

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.