Cadono come mosche Stampa
Scritto da Agi   
Giovedì 08 Luglio 2004 01:00

Quattro soldati statunitensi e due guardie irachene sono rimaste uccisi in un attacco a colpi di mortaio a Samarra, a nord di Baghdad. Nell'attacco contro il quartier generale della guardia nazionale, che e' parzialmente crollato, sono rimasti feriti anche 18 militari Usa e tre guardie

Quattro soldati statunitensi e due guardie irachene sono rimaste uccisi in un attacco a colpi di mortaio a Samarra, a nord di Baghdad. Nell'attacco contro il quartier generale della guardia nazionale, che e' parzialmente crollato, sono rimasti feriti anche 18 militari Usa e tre guardie. Samarra, 125 chilometri a nord di Baghdad, al centro del 'triangolo sunnita', e' un bastione della resistenza fedele al deposto presidente Saddam Hussein. La scorsa settimana la citta' fu teatro di violente manifestazioni a favore dell'ex dittatore, proprio nel giorno in cui il 'rais' e' comparso di nuovo in pubblico, nella prima udienza del processo. L'esercito statunitense da marzo ha gradualmente ridotto la sua presenza in citta' con l'obiettivo di passare la mano a forza di sicurezza locali; ma la resistenza, che e' meglio equipaggiata, ha ripetutamente colpito obiettivi locali. E oggi a Samarra si e' tornato a combattere anche nelle strade. Secondo al-Jazira, in coincidenza con l'attacco, nelle strade sono scoppiati scontri tra la guerriglia e militari statunitensi. Una fonte sanitaria ha riferito che in ospedali sono arrivati i corpi senza vita di almeno quattro iracheni