Iraq: la pesante mano del padrone Stampa
Scritto da ASCA   
Mercoledì 28 Aprile 2004 01:00

Durissimi scontri tra le truppe Usa e i miliziani iracheni che si battono contro le truppe straniere in Iraq.

''Quarantatre miliziani appartenenti alle forze anti-coalizione sono stati uccisi grazie anche all'uso di un Ac-130 che ci ha consentito di ditruggere le postazioni anti-aeree'', ha spiegato il portavoce dell'esercito Usa. Gli scontri sono avvenuti nella citta meridionale di Kufa a circa 10 km dalla citta' santa di Najaf roccaforte del leader sciita Motqada Sadr. ''Si tratta di una provocazione Usa, ma la linea rossa non e' stata ancora superata. Se le truppe Usa entrano a Najaf, un luogo santo dei musulmani sunniti e sciiti, noi siamo ben organizzati e coordinati per combatterli'', ha spiegato Qais al-Khazaali, rappresentante delle milizie sciite che difendono Motqada Sadr.