Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Conflitti
Per mettervi di buon umore PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi/Afp   
Giovedì 24 Giugno 2004 01:00

Un rocambolesco scomparire ed apparire di pc paralizza il Mossad. Non è servita neppure la sasser.

Gerusalemme, 24 giu. - Il furto di un computer ha determinato una paralisi nelle attività degli 007 israeliani.
Gli agenti sono stati costretti a osservare un periodo di riposo forzato dopo che lunedì notte un pc portatile con la lista dei loro nomi in codice è stato trafugato dalla casa di uno psicologo della polizia.
Il pc è stato recuperato in Cisgiordania e gli inquirenti sono convinti che il furto è opera di ladri comuni,
probabilmente ignari del suo prezioso contenuto, che lo hanno venduto ricavandone una grossa cifra. I responsabili dei servizi non hanno, tuttavia, la certezza che le informazioni segrete contenute nel pc non sono state visionate e magari copiate per cui tutte le attività degli 007 restano per il momento sospese.

 
Terrorismo: Riad, agli stranieri il porto d'armi PDF Stampa E-mail
Scritto da ansa   
Giovedì 24 Giugno 2004 01:00

ci si prepara al caos totale in Arabia Saudita. Una lotta stile "far west" come in Iraq. Da una parte i terroristi e dall'altra stranieri armati. Tutto rientra nel progetto di destabilizzazione targato Usa.

I cittadini stranieri che si sentono minacciati dall'escalation del terrorismo avranno il permesso di girare armati. Lo ha comunicato il ministro dell'interno saudita, principe Aziz: 'In linea di principio, un cittadino saudita ha il diritto di girare armato se ha un porto d'armi. Allo stesso modo uno straniero residente nel regno, se si sente in pericolo, puo' ottenere un permesso per portare con se' un'arma'.
 
Iraq: madre ostaggio decapitato, maledetto governo PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Mercoledì 23 Giugno 2004 01:00

La famiglia dell'ostaggio sudcoreano Kim Sun-Il, decapitato ieri in Iraq, accusa il 'maledetto governo' di Seul di averle ucciso il figlio.

La Corea del sud aveva confermato l'invio di altre truppe dopo il rapimento e le minacce dei terroristi legati Al Qaida. 'Mio figlio e' stato ucciso dal governo', ha detto la madre del giovane interprete di lingua araba. 'Maledetto governo -ha detto- che ha deciso di inviare le truppe mentre ci rassicurava sui tentativi di salvare mio figlio'.
 
Peru': bambini di 6-8 anni fabbricano pasta base cocaina PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Mercoledì 23 Giugno 2004 01:00

In Peru', bambini di 6-8 anni vengono utilizzati dai narcotrafficanti per la trasformazione delle foglie di coca in pasta base della cocaina

Lo ha denunciato la Commissione nazionale per lo sviluppo e la vita senza droga, diffondendo anche un video che mostra bambini che schiacciano le foglie in fosse per la macerazione, esposti agli effetti nocivi degli agenti chimici utilizzati nel processo. Sono sempre piu' i contadini che creano pozzi di macerazione per aumentare gli introiti.
 
Torture: Rumsfeld approvo' maltrattamenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Mercoledì 23 Giugno 2004 01:00

Rumsfeld approvo' l'uso di interrogatori aggressivi per i militanti di Al Qaida e taleban detenuti nella base Usa di Guantanamo, a Cuba.

Fra i metodi previsti c'era quello di obbligare i prigionieri a stare in piedi fino a 4 ore di seguito, la privazione di luce e l'uso di cani per atterrire. E' quanto emerge da documenti resi noti dalla Casa Bianca, secondo quanto scrive oggi la Bbc online. Il decalogo per gli interrogatori a Guantanamo fu poi sconfessato.
 
Saddam: per presidente tribunale rischia pena di morte PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Martedì 22 Giugno 2004 01:00

L'ex presidente iracheno Saddam Hussein potrebbe essere condannato alla pena di morte se riconosciuto colpevole di crimini di guerra.

BAGHDAD. Lo ha detto Salem Chalabi, presidente del tribunale iracheno che lo processerà, intervistato per telefono dalla Bbc. Secondo Chalabi, Saddam potrebbe essere messo a morte se il nuovo governo provvisorio iracheno, dopo il passaggio dei poteri il 30 giugno prossimo, revocherà la moratoria sulla pena capitale decretata dall'amministratore Usa in Iraq, Paul Bremer.

'Lo statuto del tribunale dice che chiunque sia riconosciuto colpevole dei reati di omicidio o stupro riceve quello che la legge irachena prevedè, ha dichiarato Chalabi. «Se la sospensione imposta dall'ambasciatore Bremer viene revocata, c' è la possibilità che venga imposta la pena di morte», ha aggiunto. Chalabi ha sottolineato che il tribunale da lui presieduto spera di poter emettere ordini d'arresto contro l'ex rais e altri gerarchi del deposto regime, e di poterli prendere in custodia nel giro di qualche settimana o mese.

Egli ha precisato che il tribunale per i crimini di guerra sta ancora formando i suoi giudici e mettendo mano a un programma per la protezione dei testimoni.

 
New Global PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Lunedì 21 Giugno 2004 01:00

Il drammatico war game in Iraq coinvolge nazioni sempre più numerose. Dieci ostaggi insieme al coreano minacciato di morte.

Seul, 21 giu. - La guerriglia irachena ha in mano anche una diecina di ostaggi stranieri, catturati insieme al sudcoreano, che ora rischia di essere trucidato. Lo ha rivelato all'agenzia Yonhap il presidente della ditta per cui lavora il 33enne Kim Sun-il.
Kim chun-ho, presidente della Gana General Trading, ha reso noto che un mediatore inviato a Falluja per negoziare con i rapitori ha visto altri dieci stranieri ostaggi, tra i quali almeno un giornalista europeo.

 
Poi ci dicono di non pensare male PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Lunedì 21 Giugno 2004 01:00

È più di un anno che alcuni settori americani vogliono trascinare l’Iran nel gioco al massacro che si effettua ai confini dell’Eurosiberia. Una legittima ma pericolosissima azione navale ora fornisce il pretesto. Zelo, ingenuità o legami inconfessabili ?

Teheran, 21 giu. - Unita' della guardia costiera dell'Iran hanno sequestrato tre navi della Marina britannica entrate in acque territoriali iraniane e arrestato otto membri dell'equipaggio. Lo ha riferito oggi il canale satellitare iraniano 'Al Alam', Ilportavoce del Consiglio dei Guardiani della rivoluzione, Massoud Jazaeri, ha confermato la notizia data dalla televisione. "Questa mattina abbiamo ricevuto notizie di un certo numero di imbarcazioni straniere entrate in acque iraniane senza permesso. Tre imbarcazioni sono state fatte dirigere sulla costa iraniana e oltre cinque persone sono state poste in stato di fermo", ha detto il portavoce che ha aggiunto: "A quanto ne sappiamo si tratta di britannici e stiamo cercando di capire il perche' siano entrati nelle nostre acque territoriali".
Successivamente l'emittente ha riferito che i militari fermati hanno ammesso "di avere commesso un errore".
Le relazioni tra Gran Bretagna e Iran hanno subito un netto deterioramento da quando il governo di Londra di recente ha fatto fronte con gli Stati Uniti nell'accusare il regime di Teheran di essere meno collaborativo con gli ispettori dell'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'Energia atomica.

 
E ovviamente muoiono PDF Stampa E-mail
Scritto da Ansa   
Sabato 19 Giugno 2004 01:00

Tempestiva la scoperta dei cadaveri di uomini di Al Qaeda. Molto utile alla Cia un evento del genere in piena polemica sulle rivelazioni false del’11 settembre e ventiquattrore dopo il rilancio della minaccia teroristica.

RIAD - Fonti della sicurezza saudita hanno confermato ufficialmente l'uccisione del capo della cellula di Al Qaida nella penisola arabica, Abdel Aziz al Muqrin.
La notizia della morte del presunto responsabile della decapitazione dell'ingegnere statunitense Paul Marshall Johnson e di molti altri attacchi contro stranieri in Arabia Saudita era stata data sin dalla notte dalla televisione Al Arabyia, ma smentita da un comunicato apparso stamane su un sito islamico e firmato dalla sezione arabica di Al Qaida.
''La persona che e' stata uccisa e' Abdel Aziz al Muqrin'', ha affermato pero' senza esitazioni un responsabile della sicurezza saudita.

Successivamente la televisione saudita ha mostrato dei corpi che ha detto essere di al Muqrin e di altri tre militanti.

 
Per Rumsfeld l’informazione di guerra è ancora troppo libera PDF Stampa E-mail
Scritto da corriere.it   
Venerdì 18 Giugno 2004 01:00

Per il ministro della Difesa la stampa metterebbe in pericolo le truppe USA in Iraq (che, com’è noto, senza quegli scocciatori dei giornalisti sarebbero accolte a braccia aperte dalla popolazione “liberata”…). Un’informazione già drogata, condizionata, piegata alle esigenza della società dello spettacolo sta quindi per vedere ulteriormente ridotti i suoi margini di autonomia?

WASHINGTON - Il segretario alla Difesa americano Donald Rumsfeld, nel giorno in cui ammette l'esistenza di un prigioniero iracheno fantasma come anticipato dalla Nbc, ha sferrato un duro attacco ai media colpevoli a suo avviso di mettere in grande pericolo gli americani militari e civili ancora impegnati al fronte.

L'ATTACCO - Rumsfeld, nel corso di una conferenza stampa al dipartimento della Difesa di Washington, ha ribadito che «il governo degli Stati Uniti non ha mai ordinato né autorizzato la tortura di prigionieri di guerra». Secondo il capo del Pentagono quella delle torture commesse da militari americani è una questione estremamente delicata, al punto che la lunga campagna di denuncia condotta da numerosi organi di stampa americani può diventare pericolosa. «Qualcuno si dimentica quello che significa essere in guerra», ha detto Rumsfeld. «Vedere la mattina i giornali titolare che il governo americano avrebbe autorizzato le torture di prigionieri non può che avere conseguenze». L’inchiesta sugli orrori di Abu Ghraib, ha aggiunto Rumsfeld, «non è ancora finita ma vi dico che fino ad oggi non ho visto niente che confermi che qualcuno abbia mai ordinato o autorizzato comportamenti contrari all’indicazione del presidente George W. Bush che i detenuti devono essere trattati in maniera umana».

DETENUTO FANTASMA - E nel giorno della nomina del nuovo generale incaricato di indagare sugli abusi contro i detenuti, il Pentagono è costretto ad ammettere un nuovo imbarazzante incidente anticipato questa mattina dalla Nbc: Rumsfeld ha confermato oggi di avere ordinato personalmente, su richiesta della Cia, che la detenzione di un presunto capo della rivolta in Iraq fosse tenuta segreta e che la sua identità non fosse comunicata al Comitato internazionale della Croce Rossa. Il ministro americano ha detto che il detenuto, un leader paramilitare del gruppo integralista curdo Ansar al-Islam, «è stato trattato in modo umano e non è mai stato nel carcere di Abu Ghraib». Rumsfeld non ha voluto precisare quanti siano i detenuti invisibili attualmente nelle mani degli americani. Il leader militare non è comunque l'unico prigioniero fantasma detenuto dagli americani in Iraq, uno status che consente di evitare i contatti con le ispezioni delle organizzazioni umanitarie internazionali, ma è il  

Bagdad, ancora orrori e torture. I detenuti segreti di Rumsfeld PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Venerdì 18 Giugno 2004 01:00

Nuove accuse al ministro della Difesa: autorizzò detenzioni mai registrate. La storia di un sospetto dimenticato in carcere. L'obiettivo era rendere il detenuto "invisibile" alla Croce Rossa. I generali "critici" venivano prontamente rimpiazzati

Dagli armadi della Casa bianca il fuggi fuggi di scheletri sembra ormai generalizzato. Segreti ermetici cominciano a svaporare e nella scala delle responsabilità si arriva sempre più in alto, sino a scoprire che l'idea dei "detenuti fantasma" era stata controfirmata da Donald Rumsfeld in persona. Era stato il ministro della difesa, su richiesta del direttore uscente della Cia George Tenet, ad autorizzare che il "Prigioniero Tripla X", un presunto alto esponente del gruppo terroristico Ansar Al Islam, fosse tenuto dentro senza registrazione, per renderlo invisibile ai controlli della Croce rossa internazionale.

Le generalità dell'uomo, il primo di una serie che potrebbe rivelarsi lunga, ancora non si conoscono. Si sa invece che è stato rinchiuso a Camp Cropper, il penitenziario di massima sicurezza vicino all'aeroporto di Bagdad, da novembre scorso a oggi. E da allora - nonostante sia accusato di "conoscere la struttura, le tecniche e i campi di addestramento di Ansar Al Islam" - è stato interrogato una sola volta. Il resto del tempo l'ha passato in isolamento, sino a 23 ore al giorno, per 7 mesi abbondanti. Solo due settimane fa, quando ormai lo scandalo delle torture minacciava anche i piani alti dell'Amministrazione Bush, Stephen Cambone, uno dei principali consulenti di Rumsfeld, ha chiamato la Cia affinché regolarizzassero la situazione e trasformassero da "fantasma" a "persona", con tutti i diritti che ne discendono.

La vicenda di "Tripla X" è l'ultimo tassello di un puzzle che, componendosi, imbarazza la Casa bianca e polverizza la tesi che gli abusi di Abu Ghraib fossero atti isolati opera di poche "mele marce".

Non è più un segreto che nella scelta di Guantanamo all'indomani dell'11 settembre un peso importante lo giocò il fatto che il dipartimento di giustizia (dicembre 2001) suggerì che là, forse, i tribunali Usa non avrebbero avuto giurisdizione. Gli stessi esperti legali che, un mese dopo, sostennero che nella guerra ad Al Qaeda la convenzione di Ginevra diventava facoltativa. E che, nell'agosto 2002, compilarono un memorandum di 50 pagine per la Casa Bianca in cui argomentavano che ogni limitazione imposta dal diritto internazionale era superata dai poteri di guerra del Presidente. Due mesi dopo il troppo morbido generale Rick Baccus veniva rimpiazzato da Geoffrey Miller come capo della base di Guantanamo con una consegna precisa: rendere la vita dei prigionieri "meno confortevole".

La divisione di compiti tra polizia militare (addetta a mantenere un ambiente sicuro e vivibile) e intelligence militare (incaricata degli interrogatori) saltò, a tutto vantaggio della seconda. Lo schema poi replicato, con i noti risultati, ad Abu Ghraib.

A dicembre 2002 Rumsfeld autorizzò esplicitamente l'uso di tecniche più aggressive per gli interrogatori di alcuni degli internati nella galera cubana. Dopo alcune settimane, anche per l'opposizione di alcuni generali come James Hill, il regime duro venne revocato. Per essere reintrodotto nell'aprile del 2003, sulla scorta di un nuovo rapporto del Pentagono che sembrava fornire base legali alle "stress techniques".

"Non c'è il benché minimo spazio per la tortura - ha ribadito lunedì scorso Rumsfeld - nella mente del Presidente o nella mia". Quando il fango dello scandalo aveva già imbrattato i muri immacolati della Casa bianca.

di RICCARDO STAGLIANO

 
<< Inizio < Prec. 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.