Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Conflitti
I sionisti cristiani in soccorso del Grande Israele PDF Stampa E-mail
Scritto da MICHELE GIORGIO   
Giovedì 20 Maggio 2004 01:00

Cosa c'è dietro l'alleanza fra la destra evangelico-fondamentalista americana e le pulsioni coloniali israeliane. Voci dal Texas In un congresso di repubblicani della Harris County, discusso per ore il diritto di Israele di fare ciò che vuole «per combattere il terrorismo»

Herbert Zweibon, esponente ebreo statunitense di primo piano e
presidente di «Americans for Safe Israel», è preoccupato. La sconfitta
subita da Ariel Sharon nel referendum nel Likud non è servita a
rallegrarlo. L'evacuazione, anche solo di una minima parte, delle
colonie ebraiche di Gaza rimane una possibilità e quindi rischia di
avere un impatto negativo sulla posizione dei cristiani evangelici,
ovvero gli alleati più stretti (e più potenti) dello Stato ebraico negli
Stati uniti. «L'alleanza tra questi cristiani e gli ebrei - ha spiegato
Zweibon - si fonda sul patto che Dio ha stabilito con il popolo di
Israele, in particolare il loro ritorno nella terra promessa. Se gli
ebrei ora rinunciano a quel patto, perchè mai gli evangelici dovrebbero
rispettarlo e, di conseguenza, perchè dovrebbero continuare a sostenere
Israele?». Zweibon ha perciò azzardato una previsione: «I cristiani
americani potrebbero sentirsi traditi e quindi decidere di divorziare da
Israele e, si sa, il divorzio spesso segna il passaggio dall'amore
all'odio». Quello di Zweibon è un grido di allarme probabilmente
esagerato. Ma i suoi timori indicano che le associazioni degli ebrei
americani temono gli effetti di una marcia indietro degli evangelici che 

Debora Faith: "pensavo alle manifestazioni italiane, alla violenza, alla guerriglia per le strade..." PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

Prosegue l' epistolario della giornalista italo-israeliana inviata in Medio Oriente. Qualcuno si stupisce ancora del fatto che gli israeliani sparino sulle ambulanze. Tratto da ebraismoedintorni.it

Svegliarsi alla mattina e vedere sulla prima pagina dei giornali le fotografie di giovani , belli, sani, nostri, i nostri soldati ammazzati. Accendere la radio, col batticuore,per le prime notizie della giornata, sentire il racconto di quello che e' successo la sera prima, ascoltare i nomi...sara' qualcuno che conosco.....?Ogni israeliano incomincia cosi' la sua giornata e la conclude cosi'.

Le notizie, i morti, i feriti, i funerali. Il dolore!

Poi e' la volta della televisione, le bare con la bandiera di Israele, le mamme, i papa', i fratelli, gli amici, i compagnidella stessa base, disperati, lacrime, lacrime, singhiozzi, abbracci. I padri cherecitano il kaddishdavanti alle bare dei figli, e' contro natura, padri distrutti, la voce che trema, la voce che non riesce a uscire.

Perche' sempre tanto dolore?

Poi altre immagini, terribili, i nemici che ridono, i bambini palestinesi che guardano,sghignazzando con soddisfazione,le foto delle teste mozzate, dei brandelli di corpi violati e trascinati per tutta Gaza poi nascosti nelle ambulanze della Mezzalunarossa.
Anche le ambulanze sono terroriste da quelle parti.

Con tutto questo orrore nel cuore, sulla pelle e nella carne,sabato sera a Tel Aviv, in Piazza Rabin,c'e' stata una grande manifestazione, 250.000 persone, nondella sinistrao della destra. No, eranoebrei, erano israelianiche volevano dare illoro appoggio a Sharon e al suo piano di separazione.
Israele sa stringersi nel dolore, Israele, fratelli, famiglia, popolo, uniti come solo gli ebrei sanno esserlo. Il mondo ce lo ha sempre invidiato e forse, anche per questo, siamo stati odiati. Guardando le immagini della manifestazione, immagini che conosco a memoria per esserci stata tante volte, pensavo alle manifestazioni italiane, alla violenza, alla guerriglia per le strade, all'odio tra partiti, alle bandiere bruciate sempre e comunque anche sela manifestazione e' per i pensionati.

Pensavo alle vetrine rotte, ai cassonetti dati alle fiamme.

Niente di tuttoquesto in Israele. Quila politica e' una cosa seria, non lascia posto alla delinquenza, qui si va alle manifestazioni con i bambini sulle spalle dei papa', con le carrozzelle, ci vanno i vecchietti tranquilli e sicuri, nessuna paura,si canta , si canta l'amore per Israele, si cantala voglia di pace, nessuna espressione di odio per i nostri assassini, nessuno slogan urlato contro gli arabi.
Unica bandiera quella di Israele.
Che gioia, che orgoglio essere cosi'.
La gente non capisce, o non vuole capire, la grandezza di questo popolo che riesce ad essere privo di odio e di violenza dopo tutto quello che ha passato.

I canti di pacevolano nell'aria, in Kikar Rabin, e su in alto nel cielo si scontrano, via etere, con le urla di odio del nemico che manifestava nello stesso momento...con altro stile.. Pensavo, ma perche' li amano tanto laggiu' in Europa.
Non sanno?Non vogliono sapere.
Vedono? non vogliono vedere.
Ricordano? Non vogliono ricordare.

E allora ricordiamo, noi che abbiamo un cuore ricordiamo, noi che siamo i cultori della memoria ricordiamo, noi che rispettiamo la vita ricordiamo:
Trent'anni fa.Ma'alot, cittadina Galilea a nord di Israele.
Tre terroristi palestinesi entrano in una scuola e prendono in ostaggio gli scolari e gli insegnanti. Vogliono l'immediata liberazione dei prigionieri palestinesi.
I bambini sono terrorizzati, gli insegnanti non possono farnulla per loro se non stargli vicino e morire di paura.
I terroristi rifiutano ogni trattativa e incominciano il massacro. Corrono dietro ai bambini che, scappando, si nascondono sotto i banchinella ingenua sper
 
Torturatori: se Zio Sam ti condanna PDF Stampa E-mail
Scritto da Adnkronos   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

Un anno di carcere al soldato Jeremy Sivits. ¨ il Massimo della pena prevista: da noi equivale ad un furto di mele o a una rissa semplice

Un anno di carcere per il soldato Jeremy Sivits. La corte marziale, riunita a Baghdad, lo ha riconosciuto colpevole per le sevizie contro i prigionieri iracheni nel carcere di Abu Ghraib. Il fotografo delle torture e' stato anche congedato dall'esercito per cattiva condotta e degradato al rango di soldato semplice. Si tratta della massima pena possibile per i reati di cui era accusato. A Sivits e' stata risparmiata soltanto la sospensione della paga. E' il primo soldato condannato per le torture ad Abu Ghraib.

Sivits, riservista della 372esima compagnia della polizia militare, ha ammesso la sua colpevolezza per i reati contestati e si ritiene che testimoniera' ai processi contro gli altri indagati nello scandalo. Secondo quanto ha spiegato un portavoce militare al termine delle tre ore e mezza di processo, e' stato ritenuto colpevole di maltrattamento dei detenuti, negligenza per non averli protetti dagli abusi, crudelta' e per aver obbligato un prigioniero ''a posizionarsi in una pila umana sul pavimento per essere aggredito da altri soldati''. Non e' stato reso noto al momento il luogo dove scontera' la pena.

 
Più downing che street PDF Stampa E-mail
Scritto da AGI   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

Sempre più difficile la posizione del premier britannico Blair. Oggi in fuga dalla Camera dei Comuni , oggetto di una contestazione chiassosa e colorata.

.jpg" border="0" align="left" />

POLVERE LANCIATA IN PARLAMENTO

(AGI) - Londra, 19 mag. - Ilpremier britannico, Tony Blair, e' stato portato via dalla Camera dei Comuni dopo che sul primo ministro e' stata lanciata una polvere purpurea di natura non specificata. Secondo alcuni testimoni, la polvere e' stata lanciata da alcuni manifestanti che si erano infiltrati tra il pubblico e si e' depositata sulla schiena del capo del governo. La seduta e' stata sospesa e l'aula sgomberata.

 
Armageddon PDF Stampa E-mail
Scritto da AGI   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

Pioggia di fuoco dal cielo sui profughi palestinesi. Il ritiro dai territori occupati è sempre lontano. Il conto dei morti cresce, insieme alla sproprozione delle armi e dei mezzi.

MISSILE DA ELICOTTERI SU FOLLA RAFAH,oltre 30MORTI

Rafah, 19 mag. - Precipita la situazione nel campo profughi palestinese di Rafah, all'estremita' meridionale della Striscia di Gaza, circondato da tre giorni dalle truppe israeliane nella piu' massiccia operazione che si ricordi da anni nell'enclave: elicotteri d'assalto ebraici hanno compiuto un raid sul campo, lanciando contro la folla almeno un missile che ha provocato la morte di nove persone e il ferimento di decine di altre, secondo testimoni oculari come minimo una cinquantina. I velivoli hanno preso di mira un corteo di manifestanti che stavano dirigendosi verso Tal al-Sultan, il settore del campo ove si sono verificati gli scontri piu' violenti e intorno al quale l'assedio e' particolarmente asfissiante. I dimostranti hanno preso a fuggire in ogni direzione, in preda al panico, cercando al contempo di trascinare i compagni sanguinanti lontano dalla strada perche' non fossero colpiti di nuovo. Frattanto dall'area devastata si alzavano verso il cielo alte colonne di fumo. Il bilancio dell'attacco missilistico ha portato a non meno di 33 il numero complessivo dei palestinesi uccisi dall'inizio dell'incursione, denominata 'Operazione Arcobaleno' e ufficialmente motivata con l'intento di distruggere i tunnel che passano sotto la frontiera con il Sinai egiziano, e che sono utilizzati dai gruppi radicali per il contrabbando di armi e munizioni. A tal fine gli israeliani hanno altresi' ammonito di essere pronti a radere al suolo le case che nascondono le gallerie, in parecchi casi mettendo gia' in pratica la mina

 
Gino Strada comunica che gli ostaggi stanno bene. solo che non possono uscire a prendere un caffe'. Parola di "ambasciatore parallelo" PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

"Maurizio Agliana, Umberto Cupertino e Salvatore Stefio stanno bene e verranno rilasciati". È quanto hanno affermato alcuni intermediari alla delegazione di Emergency a Baghdad, guidata da Gino Strada, in un incontro che si è svolto ieri.

Lo afferma la stessa associazione umanitaria secondo la quale gli intermediari avrebbero però aggiunto che non sono in grado di dire quando questo rilascio avverrà. "I nostri interlocutori - affermano ancora esponenti di Emergency - hanno ribadito la determinazione a rilasciare gli ostaggi, ma hanno dichiarato di non poter assumere impegni sui tempi di questo rilascio".

La rassicurazione, secondo quanto si è appreso, è arrivata al termine di un lungo incontro, quando è stata posta la domanda che non lasciava spazio a dubbi. "Ma li rilasceranno?" è stato chiesto agli intermediari. "Si - è stata la risposta - ma non sappiamo dirvi quando". Gli intermediari, che la delegazione ha incontrato più volte dal suo arrivo a Baghdad lo scorso 5 maggio, non hanno dunque ipotizzato né modalità né tempi di rilascio dei tre vigilantes, ma hanno ribadito a Strada di essere "vicini" ai sequestratori. Sono, inoltre, in grado di comunicare con Emergency "in qualsiasi momento".

Gino Strada e la delegazione di Emergency lasceranno l'Iraq nelle prossime ore, ma le trattative per arrivare alla liberazione degli ostaggi continuano. La decisione è stata presa dall'associazione al termine dell'incontro di ieri con alcuni intermediari che sarebbero in grado di raggiungere i sequestratori dei tre vigilantes. La scelta di lasciare l'Iraq è successiva proprio a quell'incontro. "Non ci sono ulteriori approfondimenti da svolgere - spiegano da Emergency - le persone che abbiamo incontrato ci hanno assicurato di essere vicini ai sequestratori e che ci contatteranno in caso di necessità". Rimanere a Baghdad con una delegazione "identificabile", oggetto di "attenzione e osservazione", spiegano ancora da Emergency, "avrebbe potuto costituire un problema". Visto dunque che il "canale" ormai è stabilito ed è chiaro, visto che gli intermediari hanno tutti i riferimenti per poter contattare in qualsiasi momento gli esponenti di Emergency, anche tramite persone a Baghdad, non c'era la necessità di rimanere in Iraq. "Ma la trattativa continua - ribadiscono - e continuerà con i contatti che abbiamo stabilito in Iraq".

Comunicato emesso da Emergency

18 maggio 2004

Tra venerdì 14 e lunedì 17 maggio, abbiamo avuto ulteriori contatti, nei quali i nostri interlocutori: ci hanno ribadito che i tre italiani sarebbero stati rilasciati; hanno dichiarato l’impossibilità di fare previsioni o assumere impegni sui tempi. Abbiamo convenuto con i nostri interlocutori che una nostra presenza fisica non fosse necessaria. Abbiamo per parte nostra stimato che la presenza della «delegazione» potesse costituire ostacolo a una loro libertà di movimento. Abbiamo convenuto sulla individuazione di un contatto in loco in grado di porsi in comunicazione con noi in qualsiasi momento. Di questo tentativo, tuttora in corso ed entrato in una nuova fase, non ci sfuggono le difficoltà e gli aspetti problematici. Con una distanza fisica dai luoghi nei quali lo abbiamo sin qui condotto, riteniamo di compiere la scelta più utile per a una soluzione positiva.

 
Iraq: torture, soldato Sivits si dichiara colpevole PDF Stampa E-mail
Scritto da ANSA   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

Baghdad - Il soldato americano Jeremy Sivits si e' dichiarato colpevole davanti alla Corte Marziale Usa per le torture inflitte ai detenuti iracheni.

Sivits ha riconosciuto di essere colpevole di quattro capi di imputazione a patto che venga leggermente modificata l'accusa di cospirazione a maltrattare. Il suo legale ha spiegato che il soldato si dichiara colpevole rispetto ai due capi di accusa di maltrattamenti ai detenuti e di inosservanza dei propri doveri.
 
Nozze di sangue PDF Stampa E-mail
Scritto da Corriere della Sera   
Mercoledì 19 Maggio 2004 01:00

Iraq, attacco aereo Usa: almeno 40 morti. Gli iracheni parlano di missili su festa di nozze, ma per gli americani è stato distrutta base terroristica a confine con Siria.

Gli iracheni parlano di missili su festa di nozze, ma per gli americani è stato distrutta base terroristica a confine con Siria
BAGDAD - Un attacco aereo americano ha provocato almeno 40 morti iracheni al confine con la Siria. Come si sia svolto il fatto non è però ancora chiaro. Secondo fonti irachene la strage sarebbe avvenuta quando gli aerei Usa hanno bombardato nella notte una festa di nozze che si teneva in un'area remota nei pressi delle frontiere con la Siria e la Giordania, i cui partecipanti stavano sparando in aria in segno di gioia.
Il Pentagono nega invece che fosse un matrimonio quello sul quale dei mezzi aerei Usa hanno aperto il fuoco. Secondo fonti della Difesa, si trattava invece di un assembramento di guerriglieri e i soldati americani avrebbero risposto al fuoco perchè attaccati.

VITTIME - Secondo il vice-capo della polizia di Ramadi, citato dalla Ap, fra le vittime dell'attacco, ad opera di elicotteri, vi sarebbero donne e bambini. Una troupe della tv della Ap è in possesso d'un video che mostra un camion con i corpi di persone che sarebbero morte nell'episodio: le immagini ne mostrano almeno otto.

SPARI DI FESTA - Gli iracheni intervistati nel filmato riferiscono che i partecipanti alla festa di matrimonio stavano sparando in aria, come avviene in Iraq in questi casi. L'elicottero avrebbe scambiato i tiri per fuoco ostile e avrebbe risposto.
LA VERSIONE AMERICANA - Molto diversa la versione Usa. Una fonte americana ha riferito che le forze Usa alle tre del mattino avevano fatto irruzione in una casa in pieno deserto nei pressi del confine siriano. Nella casa, presunto covo di combattenti islamici stranieri, erano stati rinvenuti grossi quantitativi di valuta straniera, passaporti stranieri e sofisticati dispositivi per le comunicazioni.
Durante l'operazione, aggiunge la fonte, «le forze della coalizione sono state oggetto di fuoco ostile, e hanno risposto al fuoco».
La notizia dell'operazione è stata poi confermata a Baghdad, dal generale Mark Kimmitt, numero due del comando Usa in Iraq, secondo il quale quando «le forze della coalizione sono state oggetto di fuoco ostile, è stato loro fornito l'appoggio aereo».
 
Il ricatto PDF Stampa E-mail
Scritto da Rinascita   
Martedì 18 Maggio 2004 01:00

Gli americani hanno capito che le sorti della guerra in Iraq stanno volgendo a loro sfavore e l’opinione pubblica mondiale ormai apertamente condanna l’invasione. Ricorrono così, come al solito, alle armi che prediligono, oltre, naturalmente le bombe: il ricatto.

 
A Rafah gli israeliani sparano persino sulle ambulanze e fanno 14 vittime. E' il "piano di pace"del boia Sharon PDF Stampa E-mail
Scritto da Noreporter.org   
Martedì 18 Maggio 2004 01:00

Una massiccia operazione militare, avviata nella notte tra lunedì e martedì, dall'esercito israeliano a Rafah, nel sud della striscia di Gaza, è costata la vita ad almeno 14 palestinesi.

Non sono state annunciate perdite tra i soldati israeliani che, secondo quanto riferiscono fonti locali, si sono concentrati in nel quartiere di Tel Al Sultan per ricercare casa per casa presunti terroristi mentre cecchini si sono piazzati sui tetti di alcuni stabili. I soldati si spostavano su mezzi blindati mentre in cielo volteggiano elicotteri da combattimento che hanno sparato razzi contro obiettivi che vengono loro segnalati da terra.

Alcuni dei palestinesi uccisi sono stati colpiti proprio da razzi sparati dagli elicotteri. L’operazione, che ha seguito le demolizione di una centinaia di case nei giorni scorsi, era stata annunciata e questo ha portato tutti i gruppi armati palestinesi operanti nella zona, a quanto si è appreso, a coordinarsi per contrastare l’avanzata israeliana.

Il presidente dell' Autorità nazionale palestinese Yasser Arafat ha accusato stamane Israele «di compiere crimini di guerra agli occhi del mondo intero». Fonti palestinesi hanno accusato l'esercito di aver sparato contro due ambulanze, una delle quali sarebbe stata colpita da tre proiettili. Israele non conferma né smentisce ricordando che più volte in passato i palestinesi avrebbero usato delle ambulanze per trasportare armi e combattenti.

 
IRAQ: STRAW, SITUAZIONE PIU' DIFFICILE DEL PREVISTO PDF Stampa E-mail
Scritto da Asca   
Martedì 18 Maggio 2004 01:00

Londra, 18 mag - La situazione in Iraq e' piu' difficile del previsto. Lo ha riconosciuto il ministro degli Esteri britannico, Jack Straw, il giorno dopo l'uccisione del capo del governo provvisorio iracheno Ezzedine Salim. ''Le difficolta' che incontriamo sono piu' importanti rispetto a quelle che ci aspettavamo nove mesi fa'', ha detto Straw ai microfoni della radio BBC.

Secondo il ministro la situazione e' deteriorata dopo l'attacco contro il quartier generale dell'ONU a Bagdad il 19 agosto. Intervistato sulla possibilita' di un dispiegamento di truppe britanniche supplementari in Iraq, Straw ha solo parlato di ''discussioni in corso'', precisando che ''se e quando una decisione verra' presa, il ministro della Difesa Geoff Hoon fara' una dichiarazione alla Camera dei Comuni''.
 
<< Inizio < Prec. 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.