Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Brancolando nel buio PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Mercoledì 25 Marzo 2020 00:08


O forse soltanto oscurando quanto deve ancora essere taciuto

“Sono stati fatti troppi errori, e questi errori pesano. Speriamo si riesca a trovare il modo per evitarli in futuro”. Silvio Garattini, farmacologo, commenta così l’emergenza coronavirus a Mezz’ora in più su Rai3. Da bergamasco, racconta di provare una grande pena per la sua città. A pandemia in corso, bisogna dare priorità al vaccino o alla cura? “Bisogna fare entrambe le cose”, spiega il presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”.
Per quanto riguarda le cure spiega: “Partiti studi su farmaci antireumatici, su farmaco utilizzato contro Ebola e su farmaco antimalaria”. C’è poi un’altra pista, già tentata in Cina: “Si sta poi tentando l’utilizzo del sangue dei pazienti che hanno contratto la malattia. I loro anticorpi, somministrati ai pazienti, possono impedire l’ulteriore sviluppo della malattia. Ma si tratta di una fase sperimentale”.
Sul farmaco usato in Giappone, tiene a precisare, “non abbiamo dati certi”.
Sul vaccino, poi, spiega: “Se ne stanno occupando 20 centri nel mondo, in Italia ci stanno provando a Pomezia. L’idea è che possa essere pronto per la fine dell’anno. Sarebbe un gran risultato, perché diventerebbe un’arma importante”, se il virus dovesse tornare.
Poi l’accusa: “Siamo in un momento in cui tutti chiedono farmaci e vaccini. Ma in questo Paese la ricerca è considerata meno che nulla. Non si può sperare facciano grandi cose se teniamo i ricercatori nella miseria. Mi auguro che quando ci sarà il ‘dopo’ questa considerazione venga fatta dalla politica”.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.