Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Muori moderno PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Mercoledì 15 Settembre 2021 00:14


Whole world is country

 

Si chiamava Ray DeMonia, un uomo dell'Alabama morto lo scorso 1 settembre - tre giorni prima del suo 74esimo compleanno - dopo essere stato respinto da ben 43 ospedali, "intasati" per l'alto numero di pazienti Covid-19 già ricoverati. DeMonia è morto in emergenza cardiaca quando ormai non c'era più nulla da fare.
Terapie intensive piene - "Era un uomo buono, apprezzato e rispettato da molti". Così la famiglia ricorda DeMonia. Forse poteva essere salvato in tempo, se solo gli ospedali non fossero stati "in sofferenza" a causa dell'alto numero di pazienti malati di Covid-19. L'Alabama è uno degli Stati Uniti con il più basso numero di vaccinati. Quando il 73enne si è rivolto all'ospedale della sua città natale di Cullman il personale ha contatto ben 43 altre strutture, in tre stati differenti, alla ricerca disperata di un letto in terapia intensiva. Nessuno di questi è stato in grado di offrire l'assistenza di cui l'uomo aveva bisogno.
La morte lontano da casa - Dopo la lunga ricerca, il tanto atteso ok al ricovero è arrivato da un ospedale nel Meridian, in Mississippi, dove l'uomo è stato trasferito subito dopo. Ma ormai era troppo tardi. Il 1 settembre Ray è morto, a oltre 300 km da casa.
L'appello della famiglia - La notizia della morte di DeMonia ha fatto il giro del web. Anche per le parole dei suoi famigliari: "In onore di Ray, per favore vaccinatevi se non lo avete fatto, in modo da liberare risorse per le emergenze non legate al Covid. Non vorremmo che nessun altro passasse quello abbiamo passato noi". Ray - ha ricordato la figlia - era stato vaccinato, a differenza di tanti altri cittadini del suo Stato.
Vaccini a rilento - Anche se la campagna vaccinale in Alabama ora sta iniziando a prendere quota, il numero dei residenti completamente immunizzati è ancora basso, il 40%, secondo il Washington Post. Un numero che relega lo Stato al quarto posto per tasso di vaccinazione più basso negli Stati Uniti: peggio solo Idaho, West Virginia e Wyoming. Al basso numero di dosi somministrate si lega l'alto numero di nuovi contagi: nell'ultima settimana - riporta NBC News - 541 persone su 100mila sono risultati positivi al Covid-19. Uno dei dati peggiori degli Stati Uniti.


Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Settembre 2021 20:18
 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.