Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Petrolio a yo-yo PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreetitalia.com   
Giovedì 28 Luglio 2022 00:36


Un calo improvviso dei prezzi

I  prezzi del petrolio sono scesi del 2% dopo essere saliti di oltre 5 dollari al barile nella sessione precedente, appesantiti dai timori che un rallentamento economico colpisca la domanda di petrolio, anche se la scarsa offerta e un dollaro più debole hanno frenato alcune perdite.
I future sul greggio Brent per la liquidazione di settembre sono scesi dell0 0,5%, a 105,83 dollari al barile. Il contratto è aumentato del 5,1% lunedì, il più grande aumento percentuale dal 12 aprile.
I future sul greggio WTI con consegna ad agosto sono scesi dello 0,56%, a 98,56 dollari al barile. Il contratto è salito del 5,1% lunedì, il più grande aumento percentuale dall’11 maggio.

Interruzione di gas in Europa
Martedì 19 luglio il Fondo monetario internazionale ha avvertito che qualsiasi azione russa per interrompere la fornitura di gas all’Europa provocherebbe contrazioni economiche di oltre il 5% nel prossimo anno in Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia e Italia.
La russa Gazprom ha detto ai clienti in Europa che non può garantire le forniture di gas a causa di circostanze “straordinarie”.

Perché prezzi del petrolio stanno oscillando
La Cina, il più grande importatore mondiale di greggio, ha segnalato quasi 700 casi lunedì 20, dopo aver riportato 1.000 nel fine settimana. Sebbene questi numeri siano bassi nel contesto globale, Pechino ha mantenuto una politica “zero COVID” per contenere i focolai non appena emergono, con le sue misure rigorose che sconvolgono le prospettive per la seconda economia più grande del mondo.
Ancora più importante per i mercati globali è l’hub commerciale chiave di Shanghai ha ordinato un altro paio di cicli di test di massa per la maggior parte dei 25 milioni di abitanti della città. Chiusure di attività più estese sono state segnalate nella provincia meridionale del Guangxi, la città di Chengdu, mentre la città portuale settentrionale di Tianjin è diventata l’ultima grande città a combattere il virus.
Detto questo, i prezzi rimangono ancora elevati date le continue preoccupazioni sull’offerta poiché le sanzioni occidentali sul greggio russo e sulle forniture di carburante durante il conflitto in Ucraina hanno interrotto i flussi commerciali.
Anche le aspettative per un aumento delle scorte di greggio statunitensi hanno pesato sui prezzi. Un sondaggio preliminare di Reuters ha mostrato che le forniture di greggio statunitensi potrebbero essere aumentate la scorsa settimana, mentre le scorte di benzina sono probabilmente diminuite.
I prezzi del petrolio hanno oscillato per le preoccupazioni sull’offerta, poiché le sanzioni occidentali sul greggio russo e sui prodotti sull’Ucraina interrompono i flussi commerciali e le preoccupazioni che gli sforzi della banca centrale per domare l’inflazione possano innescare una recessione che distrugge la domanda.
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha visitato la scorsa settimana il principale esportatore di petrolio dell’Arabia Saudita, sperando di concludere un accordo su un aumento della produzione di petrolio per domare i prezzi del carburante.
Tuttavia, i funzionari dell’Arabia Saudita, il leader de facto dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (Opec), non hanno fornito garanzie chiare che un aumento della produzione fosse assicurato.
Martedì 19 il ministro degli Esteri del regno ha dichiarato di non aver visto carenza di petrolio nel mercato, ma una mancanza di capacità di raffinazione del petrolio, che ha reso necessario investire di più per trasformare il greggio in vari prodotti. “I prezzi sono aumentati in modo aggressivo quando la difficile situazione sul fronte dell’offerta è tornata sotto i riflettori”, ha affermato Stephen Brennock di PVM.
I prezzi del petrolio sono stati sostenuti anche da un dollaro Usa più debole, che si è attestato intorno al minimo di una settimana, rendendo il petrolio dominato dal biglietto verde leggermente più conveniente per gli acquirenti che detengono altre valute.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.