Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Ottobre 2022  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Servi e buffoni PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreetitalia.com   
Venerdì 12 Agosto 2022 00:05


La grande ammucchiata senza dignità

Dopo l’invasione russa in Ucraina, gli annunci sui tagli alle forniture di petrolio e gas per “braccare” l’economia di Mosca non si sono certo fatti attendere. Eppure, ad oggi, sono tanti i Paesi che ancora si riforniscono dalla Russia e sul podio ci siamo proprio noi dell’Italia. Dietro a Germania e Cina. I dati presi in esame, si concentrano sul periodo compreso tra il 24 febbraio e il 4 giugno, ed emergono da un’analisi realizzata da Visual Capitalist sui dati del Centre for Research on Energy and Clean Air (CREA).
In particolare la Russia, dall’inizio del conflitto, al netto di veti e sanzioni varie, ha esportato combustibili fossili come petrolio e gas, per un totale di 97,7 miliardi di dollari. La Cina ha contribuito acquistando materie prime per oltre 13.2  miliardi di dollari, la Germania 12,7 miliardi e l’Italia ha speso ben 7.2 miliardi. Cifre enormi. Poi a seguire in classifica (con numeri più bassi) ci sono anche Olanda, Turchia, Polonia, Francia e India.
Quali paesi hanno ridotto le importazioni di gas e petrolio dalla Russia?
Per capire chi dalle parole è passato ai fatti, bisogna guardare invece le percentuali di riduzione dell’import dalla Russia rispetto al periodo pre-guerra. Stati Uniti e Svezia hanno azzerato le forniture e guidano quest’altra classifica con un 100% tondo tondo. L’Italia è invece in fondo alla graduatoria, essendo riuscita a diminuire solo del 13% gli acquisti, la Germania ha fatto ancora meno (8%) e la Cina non ha fatto nessuna riduzione.
Insomma, questo trend dimostra che come sempre, tra dire e il fare c’è di mezzo un mondo. La Russia grazie alle sue materie prime sta continuando a tener botta sul piano economico e l’Europa non sembra avere al momento una strategia alternativa tale da poter rinunciare a queste risorse così importanti per la produttività di Paesi nevralgici come Germania e Italia. Questo è il quadro, e Putin lo conosce benissimo.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.