Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Dopo l'oro nero PDF Stampa E-mail
Scritto da ilsole24ore   
Martedì 12 Settembre 2017 00:09


E dire che i tedeschi avevano già prodotto veicoli così

Progetto Zyklon B, distrutto de imperio delle forze occupanti

Un progetto solo abbozzato e certamente non immediato. Ma l’idea c’è. La Cina, sulle orme di Francia e Regno Unito, ha avviato una ricerca per valutare una futura messa al bando delle auto alimentate a benzina e diesel. «Alcuni Paesi - ha scritto il vice ministro dell’Industria Xin Guobin in un articolo pubblicato sull’agenzia ufficiale Xinhua - hanno fissato un calendario per mettere fine alla produzione e alla vendita di di auto tradizionali alimentate a carburante. Anche il nostro ministero - prosegue - ha avviato un’importante ricerca in materia e sottoporrà un calendario analogo ai ministeri di competenza. Queste misure- conclude - porteranno profondi cambiamenti nello sviluppo della nostra industria dell’auto», che si avvia quindi ad affrontare un periodo «turbolento».
Il modello dunque sarebbero Francia e Regno Unito, che hanno fissato al 20140 la data-obiettivo per dire addio alle auto tradizionali. Mancano ancora più di vent’anni, è vero, e i piani potrebbero cambiare, ma il percorso appare tracciato. Le mosse della Cina sono ovviamente seguite con grande attenzione da tutti i costruttori: nel 2016 il Paese ha prodotto 28 milioni di veicoli, quasi il 30% dei 94 milioni prodotti lo scorso anno in tutto il mondo. Il governo di Pechino è da tempo impegnato a lottare con l’inquinamento dell’aria - una vera emergenza in molte città cinesi - ma anche a ridurre la dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili. Una virata in direzione delle auto «pulite» sarebbe dunque nell’interesse del Governo, che infatti ha da tempo avviato programmi di incentivi fiscali al settore.
Lo scorso anno il mercato cinese ha assorbito 507mila auto elettriche, facendone il primo al mondo. La politica industriale conosciuta come «Made in China 2025» fa del comparto dell’auto elettrica una delle 10 industrie ad alta tecnologia in cui la Cina vuole creare campioni nazionali in grado di competere a livello globale.L’obiettivo, molto ambizioso, è di raggiungere i 7 milioni di di vendite annue di veicoli elettrici (con batterie o plug-in) nel 2025.
Uno di questi campioni dell’auto elettrica è senza dubbio Geely. La casa cinese è proprietaria del gruppo svedese Volvo. E proprio Volvo lo scorso luglio è finita sulle prime pagine dei giornali quando ha annunciato che dal 2019 produrrà solo auto alimentate con motori elettrici o ibridi.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.