Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'accoglienza scandinava resta indoeuropea PDF Stampa E-mail
Scritto da ilgiornale.it   
Giovedì 14 Settembre 2017 00:37


Dove tolleranza non vuol dire abbassarsi le mutande in una casa di tolleranza

Sylvi Listhaug ha saputo difendere i "valori norvegesi" da ministro all'Immigrazione e all'Integrazione.
E ora, mentre i norvegesi votano per le elezioni nazionali, tutti i riflettori sono per lei. Che ha saputo imporre lo Stato di diritto in un momento in cui l'Europa veniva invasa dagli immigrati e devastata dagli attentati terroristici. "I valori norvegesi e occidentali di libertà d'espressione e religione e gender equality sono essenziali - spiega - purtroppo vediamo forze ostili a tali valori, usano la libertà per imporre alla moglie burqa o niqab. Incompatibile, credo, coi valori norvegesi".
La sfida è tra la leader del Partito conservatore Erna Solberg, alla ricerca di un secondo mandato, e l'opposizione di sinistra, guidata dal Partito laburista di Jonas Gahr Store. Ma per i cinque milioni che, tra ieri e oggi, si sono recati alle urne, Sylvi Listhaug resta il politico più innovativo del momento. Come ripercorre il Corriere della Sera, in un ritratto pubblicato oggi, la titolare all'Immigrazione e all'Integrazione non ha avuto paura nel ricordare agli islamici che in Norvegia "si mangia il maiale e si beve l'alcol" e che, se vogliono restarci, devono adeguarsi. Né ha avuto paura quando si è spinta nelle periferie di Stoccolma dove vivono quasi solo immigrati. "Tra i migranti ci sono anche molte brave persone - spiega - ma guardate gli sviluppi in Francia, Belgio e Regno Unito. Può accadere anche in Norvegia, e io non lo voglio".
Sylvi Listhaug, che dice di ispirarsi al tempo stesso sia a Ronald Regan sia a Donald Trump, si è espressa contro il velo islamico nelle scuole. "Per il bene dei nostri piccoli - ha messo in chiaro in più di un'occasione - non deve essere portato". Non solo. Quando l'Europa ha iniziato ad essere invasa dai migranti in fuga dal Medio Oriente, ha proposto di rimandare a casa tutti quelli a cui venga rifiutato lo status di profugo. "L'immigrazione crea problemi - spiega oggi in una intervista a Repubblica - un welfare generoso e un'immigrazione forte non possono coesistere, lo abbiamo visto in diversi paesi. Perciò sono importanti leggi restrittive sull'asilo e la migrazione, e occorre garantire che migranti non bisognosi di protezione siano respinti".



 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.