Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Dicembre 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
L'anno dei record PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Venerdì 23 Ottobre 2020 00:02


Non di solo Covid

È uno dei predatori più letali del pianeta. Dal 1975, anno di uscita del capolavoro di Steven Spielberg, è diventato lo spauracchio dei bagnanti di buona parte del mondo: si tratta dello squalo. Quest'anno per l'Australia il terribile cacciatore del mare non è una paura dell'immaginario collettivo ma un pericolo reale,  più letale che mai: dall'inizio dell'anno, infatti, sono sette le vittime di attacchi di squali, a fronte di una media di un morto all'anno negli ultimi 50 anni.
Le cifre - L'ultima vittima è stata un surfista agli inizi di ottobre. Sono stati mobilitati soccorritori e droni per la perlustrazione aerea ma dopo giorni di ricerche è stata trovata solo la sua tavola da surf. Gli episodi si sono verificati a ovest come a est dell'isola: 4 nello stato del Queensland, 1 nel New South Wales e 2 nel Western Austalia.  Il numero di attacchi - 21 nel 2020 finora - invece è nella media.
Gli oceani che cambiano - A cosa è dovuta questa maggiore mortalità? Per Culum Brown, professore presso il Dipartimento di Scienze Biologiche della Macquarie University di Sydney, una delle causa è il cambiamento climatico. Le acque si stanno riscaldando e gli ecosistemi stanno subendo una vera e propria rivoluzione. Di conseguenza molte specie - tra cui anche alcune prede degli squali - per sopravvivere si spostano in acque in cui non si erano mai viste  e con loro i grandi predatori. E molto spesso i nuovi ambienti sono coste frequentate dagli bagnanti e surfisti. Di conseguenza, gli "incontri ravvicinati" dalle conseguenze fatali sono più probabili.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.