Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Chi è causa del suo mal PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Venerdì 04 Dicembre 2020 00:35


Eccetera eccetera

Il 4 dicembre 2016 gli italiani andavano alle urne per decidere dei cambi costituzionali proposti dal governo Renzi.
Senza entrare nei dettagli, parecchio censurabili, quella riforma intendeva comunque offrire soluzioni decisionistiche ai governi italiani. Una cosa che il parlamentarismo estremistico prodotto dalla "Costituzione più bella del mondo" impedisce, inchiodando il paese in un pantano e condannadolo all'impossibilità di sognare in grande. I francesi che avevano un sistema simile, se ne liberarono nel 1958, riuscendo così a ritrovare un ruolo significativo nel mondo.
La riforma nel 2016 ottenne meno del 41% di Sì. La personalizzazione del referendum e l'incapacità di leggerne il senso, aveva prodotto un largo fronte "costituzionalista" in cui le organizzazioni dei partigiani e quelle dell'estrema destra si trovarono idealmente gomito a gomito.
Gli italiani scelsero a gran maggioranza l'irrilevanza e la continuià della subordinazione nel loro destino.
Si negarono la facoltà di contare in Europa e nel mondo.
Emblematico è il fatto che, per poter gestire la situzione della pandemia (al di là del come lo faccia) il governo italiano è stato l'unico che è dovuto ricorrere allo "stato d'emergenza" e ha continuato a procrastinarlo.
L'unica soluzione per una massa di imbecilli.
Con le regole del parlamentarismo non si decide nulla.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.