Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Tu muori io filmo PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Giovedì 18 Gennaio 2018 00:09


lui scappa

Andy, 22 anni, è morto a Châtelet-Les-Halles, centralissima fermata della metro di Parigi, aggredito con un colpo alla gola da uno "squilibrato", come lo ha definito la polizia della capitale francese. Nessuno lo ha aiutato: tutti coloro che hanno assistito all'omicidio sono rimasti inermi a filmare con il loro cellulare l'accaduto.
L'aggressore, fermato poco dopo è stato internato in un ospedale psichiatrico."È una morte stupida, dice una fonte della polizia, quella di un giovane che era lì al momento sbagliato". Non vi era infatti nessun legame tra aggressore e vittima, né un motivo per innescare l'aggressione, secondo quanto riporta Le Parisien.
Intervistata dalla radio RCI Martinique, la madre del ragazzo, stravolta dal dolore, si è detta indignata per quanto accaduto:
"Hanno filmato, condiviso su Snapchat, Facebook, Whatsapp..ma nessuno ha alzato un dito per aiutarlo"
Andy Brigitte aveva 22 anni, proveniente dalla Martinica si era trasferito a 17 anni a Parigi, ospitato dalla zia. Abitava nell'Essonne, periferia sud di Parigi. "Andy era con un amico d'infanzia. È fuggito e lo ha lasciato da solo", afferma la madre nell'intervista radio. Infermiera presso l'ospedale di Fort-de-France, è arrivata a Parigi domenica, ma non è riuscita a vedere il corpo di suo figlio.
La rabbia dei parenti per una morte definita assurda non è solo per l'aggressore: è rivolta anche ai passanti che si sono limitati a filmare la scena senza prestare soccorso al ragazzo agonizzante. "Oggi i social network sono onnipresenti e dimostrano un'assenza di umanità" ha detto ancora la donna. "Quella gente che ha filmato è colpevole quanto l'assassino", ha commentato la zia di Andy.
Su internet è stata lanciata una sottoscrizione per raccogliere il denaro necessario alla famiglia per assicurare il trasporto della salma di Andy. In meno di 48 ore sono stati raccolti 14.000 euro

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.