Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Marzo 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Senza sistema-nazione è lo sbando PDF Stampa E-mail
Scritto da wallstreeitalia.com   
Venerdì 15 Marzo 2019 00:36


Non manca il lavoro ma chi lo sappia svolgere

Cresce la difficoltà a trovare le figure professionali adeguate per le imprese italiane: è quanto rivelano i dati Istat, secondo i quali i posti vacanti sono saliti all’1,2% del totale nel quarto trimestre del 2018. In particolare risultano vacanti l’1,1% dei posti dell’industria e dell’1,4% nel settore dei servizi. Si tratta dei livelli più alti sperimentati negli ultimi otto anni, ovvero da quando l’Istat compie questo genere di rilevazione.

I posti vacanti, secondo la definizione Istat. “Misurano le ricerche di personale che alla data di riferimento (l’ultimo giorno del trimestre) sono già iniziate e non ancora concluse. Sono, infatti, quei posti di lavoro retribuiti che siano nuovi o già esistenti, purché liberi o in procinto di diventarlo, per i quali il datore di lavoro cerchi attivamente un candidato adatto al di fuori dell’impresa interessata e sia disposto a fare sforzi supplementari per trovarlo”.

Uno studio Ocse datato 2015 metteva in chiaro che la mancanza di figure qualificate per soddisfare le esigenze delle imprese ha rilevanti conseguenze economiche. Il nome di questo fenomeno, è “skill mismatch” ovvero disallineamento delle competenze.

Minore skill mismatch è legato a crescita produttività
Secondo quanto dimostrato dagli autori un minore skill mismatch è correlato alla crescita della produttività. L’Italia, fra le 19 economie avanzate prese in esame dalla ricerca dell’Ocse risultava, nel 2012, il Paese nel quale le competenze (skills) erano meno allineate con le esigenze delle imprese (vedi figura in basso).

Di conseguenza, aveva calcolato l’Ocse, correggere lo skill mismatch italiano offrirebbe il miglior risultato in termini di maggiore produttività: il 10% in più.

“I responsabili politici non dovrebbero preoccuparsi solo di aumentare lo stock di capitale umano, ma anche di allocare lo stock esistente di esseri umani capitale in modo più efficiente”, concludevano gli autori, “è probabile che quest’ultimo assumerà un’importanza sempre maggiore nei prossimi decenni nei quali si prevede un rallentamento della crescita dello stock di capitale umano

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.