Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Un raffreddore ti risparmierà PDF Stampa E-mail
Scritto da N. Zorkes fb   
Martedì 05 Maggio 2020 00:40


Uomo moderno al capolinea

La degenerazione dell’uomo moderno non è misurabile tramite le sue perversioni sessuali, come una certa morale protestante o bigotta ha introdotto in occidente da secoli, ma dalla sua tendenza agli stati inferiori dell’essere, ad uno stato che lo priva di ogni parvenza umana ed in particolare di quella qualità che caratterizza principalmente l’essere umano, ossia la ragione, o logos nella sua accezione individuale.
Negli ultimi decenni vi è stata un’accelerazione in questa “caduta”, accelerazione dovuta alla persistenza dei media di dis-informazione (in particolare la TV), a tecnologie invasive come gli smartphone e i social media, ad un Bispensiero, che rende vano ogni tipo di ragionamento sensato per i più, ed altri fattori che creano una dissociazione cognitiva. Fenomeni che hanno generato una massa di lobotomizzati che a mala pena riesce a formulare un pensiero proprio o a fare un semplice calcolo aritmetico senza provocarsi un’emicrania.
Ora, in relazione al momento che stiamo vivendo, il lobotomizzato medio (non solo italico, dato che anche negli altri paesi c’è una larga fetta della popolazione che sta vivendo in questo modo anche se non gli è stato imposto come qui in Italia) segue dei precetti che gli sono stati inculcati psichicamente dai media con tecniche elementari di PNL e spot che contengono elementi di controllo mentale MK-Ultra o Monarch (tecniche a cui è ormai già assoggettato da tempo), all’interno di un’eggregora (nella declinazione di psichismo collettivo, quindi privo di qualsivoglia elemento superiore) del terrore ben congegnata.
Di conseguenza il soggetto viene letteralmente programmato a compiere delle azioni che in uno stato psichico “normale” rigetterebbe nella maggior parte dei casi:

1) Si reclude in casa, evitando il moto e la luce del sole... indebolendo il proprio sistema immunitario.
2) Indossa mascherine che non filtrano alcun virus, ma, anzi, diventano dopo solo qualche decina di minuti un ricettacolo di batteri e virus, sia emessi dal proprio organismo che provenienti dall’esterno.
3) Indossa mascherine per periodi prolungati andando prima in ipercapnia (ossia, respirando la propria anidride carbonica di scarto, quindi aumentandone la concentrazione nel sangue) e poi in dispnea (ossia una respirazione alterata che provoca fatica ed affanno, guarda caso uno dei sintomi del ceppavirus)
4) Indossa guanti in lattice che da un lato diventano un ricettacolo di virus e batteri e dall’altro alterano il microbiota della pelle, abbassando le proprie difese immunitarie.
5) Si lava le mani continuamente con amuchina e disinfettanti, alterando ulteriormente il microbiota della pelle, abbassando le proprie difese immunitarie.
6) Passa le giornate a farsi terrorizzare da soubrette e pseudo-virologi in TV, aumentando il panico e lo stress e quindi pure le proprie difese immunitarie.
7) Accetta supino ogni nuovo decreto che limita le proprie libertà e uccide la propria attività lavorativa, aumentando il panico e lo stress e quindi indebolendo il proprio sistema immunitario.
8) Sta recluso in casa con i familiari, sfogando lo stress accumulato a vicenda… non scopando con il “congiunto/a” e/o non giocando con i figli, perché pensa che potrebbe infettarsi, ma probabilmente litigando e quindi creando altro stress che abbasserà ulteriormente le sue difese immunitarie.

Facendo tutto questo pensa che il terribile raffreddore lo risparmierà, scrivendo slogan come “andrà tutto bene” sul proprio profilo social o su un lenzuolo appeso alla finestra.
Il suo fine è ormai quello di sterilizzarsi… ed inconsciamente lo fa seguendo ogni tipo di significato che si può dare al termine “sterilizzare”.
In conseguenza di tutto ciò, ed allo stato psico-fisico in cui si è ridotto, accetterà ogni compromesso che gli metteranno sul piatto facendogli credere falsamente che questo gli potrà restituire la vita che aveva precedentemente.
Ecco quindi come il lobotomizzato accetterà vaccini, app e microchip… e rinuncerà completamente alla propria libertà, se non a quel poco che rimane della propria umanità, ma alla fine pure alla propria vita che sperava di salvare.
Sarà l’ultima sterilizzazione.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.