Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2020  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Il teatro vittima dell'avanspettacolo PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Giovedì 04 Giugno 2020 00:49


Un governo e una società imbarazzanti

I teatri sono chiusi e alcuni forse non riapriranno più. Per noi teatranti, come per tutti, l’ora è difficile. Non è una novità: la salita del teatro è sempre stata ripidissima. Ci arrangeremo.
Contro il teatro nessuno può niente. Abbiamo attraversato pestilenze, carestie, tirannie, rivoluzioni sociali, astrusi bandi ministeriali… ma ci siamo da millenni e anche questa nottata passerà.
La forza del teatro sta nel suo format: ontologicamente immutabile, storicamente flessibile. Perché ci sia teatro bastano un attore e uno spettatore, ma ogni epoca ha le sue convenzioni dettate dal gusto e dalle concrete condizioni produttive: in un’epoca ecco in scena quindici attori per uno spettacolo lungo quattro ore, in un’altra epoca ne bastano due per un corto di dieci minuti. Ci adattiamo.

Se avremo a disposizione meno giorni di prove, impareremo a fare presto e bene. Se i teatri resteranno chiusi, andremo in giro con i carri di Tespi. Scavalcheremo le montagne.
Contro il teatro nessuno può niente. Per esempio noi drammaturghi: da mezzo secolo impresari e direttori artistici ci fanno la guerra, trasformando i teatri in musei della tradizione, eppure la drammaturgia italiana contemporanea è vitalissima.
Succeda quel che deve succedere, ci sarà sempre uno della setta dei teatranti pronto ad andare in scena: per celebrare il rito.

Una sera di tanti anni fa una mia amica mi propose di andare a teatro. Eravamo studenti universitari e scegliemmo uno spettacolo gratuito in un piccolo teatro di Trastevere. Lo spettacolo non era bello e già durante il primo atto il pubblico cominciò a tagliare la corda. Quando si accesero le luci dell’intervallo, scoprimmo con sgomento che eravamo gli unici spettatori. Avevamo voglia di andare al pub per una birra ghiacciata, ma eravamo in trappola: lasciando il teatro ci saremmo assunti una responsabilità, avremmo spezzato il rito.
Restammo fino alla fine. Come due prigionieri. Come una regina e un re.


Massimiliano Perrotta regista e scrittore

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.