Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Maggio 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Virologi in lista nera PDF Stampa E-mail
Scritto da huffingtonpost.it   
Giovedì 17 Dicembre 2020 00:44


Chi osa contraddire il Verbo epidemico rischia grosso. Ma c'è chi lo fa

Era luglio, la prima ondata di Coronavirus, che in Italia aveva ucciso circa 35mila persone, era alle spalle. In Germania Afd, partito di estrema destra, organizzava un convegno sul Covid. Tra gli ospiti anche Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di Microbiologia clinica. La notizia è stata riportata da Repubblica. Ma cosa ha detto Gismondo in quell’occasione? Vari contenuti sull’evento sono ancora disponibili sulla pagina Facebook del giornalista Billy Six, che ha realizzato l’intervista.
Six chiede qual era la situazione in Italia tra marzo e aprile. Ecco la risposta della Gismondi:
“Confusione, con così tanti dati e con dati falsi. Ogni giorno il governo e il ministero della Salute hanno pubblicato dati su positivi e morti, ma non siamo sicuri che siano dati controllati. La confusione principale riguardava persone morte con covid o per covid. Solo al termine di questo periodo il ministero della Salute ha chiarito la situazione, solo 10... o poco più... pazienti sono morti per covid. Altri sono morti infettati dal covid ma con altre gravi patologie. Possiamo definire il covid un’infezione opportunistica, non la primaria”. E ancora: “il coronavirus in Italia probabilmente a metà dello scorso anno”.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.