Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Settembre 2021  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Ottima iniziativa! PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom24   
Giovedì 17 Giugno 2021 00:26


Anche se sono probabilmente compagni

Gli studenti di una classe della scuola media Veggetti a Vergato (Bologna), hanno imparato a leggere e scrivere in braille per aiutare ed essere più "vicini" a una compagna di classe ipovedente. L'iniziativa, svolta nell'ambito del progetto "Erasmus+ Solidarité: à vous les jeunes", ha permesso agli alunni di mettersi nei panni della propria coetanea, una giovane profuga che due anni fa è scappata dalla guerra in Siria insieme alla famiglia. "E' stata molto contenta di questo slancio dei compagni. Chi ha delle patologie sente sempre che manca qualcosa. Senza contare che questa famiglia si porta dietro i segni profondi lasciati dalla guerra", ha detto Mariateresa Verderame, responsabile del progetto Erasmus+, al Corriere di Bologna.
L'idea di imparare il braille, avanzata dalla docente di sostegno della ragazza, Elena Venturini, e da Verderame, professoressa di francese che coordina il progetto, nell'ambito del "Erasmus+ Solidarité: à vous les jeunes", ha subito entusiasmato alcuni dei ragazzi che così, nel pieno rispetto delle normative sanitarie, hanno iniziato il laboratorio. I giovani solidali, guidati passo passo da Venturini, hanno imparato a usare una dattilo-braille arrivata dall'Ufficio scolastico.
"I ragazzi si sono messi davvero nei panni della loro compagna e hanno capito le difficoltà che hanno le persone ipovedenti quando devono apprendere", ha spiegato Verderame.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.