Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Gennaio 2023  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Non solo nella bocca degli sciocchi PDF Stampa E-mail
Scritto da tgcom   
Martedì 18 Ottobre 2022 00:04


Il riso fa bene

La risata? È uno strumento fornito dalla natura per aiutarci a sopravvivere. A dirlo è un nuovo studio, dopo due anni di ricerca, di Carlo Bellieni, pediatra e neonatologo, professore dell’Università di Siena. Dalle cause dell’umorismo fino alle caratteristiche della risata e dei benefici dell’organismo, la ricerca di Bellieni è stata pubblicata sulla rivista internazionale New Ideas In Psychology e prende in considerazione le possibili ragioni evolutive alla base di questo comportamento.
Lo studio sulla risata - "Il riso abbonda sulla bocca degli stolti”, l’antico proverbio latino non sarebbe così corretto. Per il professore Carlo Bellieni: "La risata è nata come una forma di linguaggio ancestrale, prima della parola e si è sviluppata nei nostri progenitori prima della nascita del linguaggio stesso. Nata per avvisare di uno scampato pericolo è rimasta perché benefica per psiche e organismo".
Nel suo studio spiega quale sia la causa dell’umorismo e il perché la risata ritmica ne sia la manifestazione fisica. Nei due anni di ricerca sono state studiate sia le caratteristiche fisiche, che i centri cerebrali legati alla produzione dell'atto del ridere e i benefici dell'umorismo per la salute. "La teoria più plausibile per l'umorismo è quella dell'incongruenza, - spiega Bellieni -, dove un evento o un oggetto incongruo provoca un senso di meraviglia, ed è seguito da qualcosa che rassicura gli astanti sulla sua innocuità". La risata sarebbe la stigmatizzazione di questa innaturale incongruenza, attraverso la sua forma sonora e ritmica "come una sorta di segnale di cessata allerta dopo lo shock indotto da ciò che sembra pericoloso per la fluidità della vita". Insomma, a ridere non sarebbero solo gli stolti, ma tutti gli esseri umani nella quotidiana lotta alla sopravvivenza.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.